Ricerca

Caricamento in corso...

martedì 19 maggio 2015

Il peso dell'adolescenza sul rischio di demenza (Teenage obesity and risk of dementia)

Per i bambini obesi, non solo diabete, steatosi epatica, danni alla retina e cardiopatie: da grandi potrebbero sviluppare anche un deficit cognitivo progressivo fino ad arrivare alla demenza senile o all’Alzheimer. 
Lo rivela uno studio condotto dall’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, appena pubblicato sulla rivista scientifica Pediatrics. 
I ricercatori hanno scoperto negli adolescenti obesi livelli elevati di una proteina, la β 42 amiloide, coinvolta proprio

venerdì 3 aprile 2015

Dieta: un lemma "notiziabile" per tutte le stagioni (Diet: a news story for every season)


Dieta", il cui significato è "stile di vita sano", va oltre l'alimentazione che ne fa parte ma non da sola. In passato, il lemma era un perfetto sconosciuto –soprattutto presso le classi contadine- ma parte integrante e automatica del buon senso.

Negli anni, invece, ha raggiunto la notorietà massimamente quando ha assunto le sembianze di "sacrificio" nel nome delle calorie e del dimagrimento "tout court".
Un’amara e pericolosa semplificazione che fa meno salute ma più notizia.
E l'ignoranza, che ha bisogno di notizie e non di salute, esalta la semplificazione e accresce la voglia di “notiziabilità”, a beneficio delle mode e non della salubrità. Ecco, allora, che le necessità (?) si susseguono periodicamente con il cambio

giovedì 25 dicembre 2014

Auguri a chi... (Greetings to those who...)

Auguri a chi non ha perso l’abitudine di sognare, 
a chi sa essere di  buon umore anche nei momenti difficili, 
a chi saluta ancora quando incontra una persona, 
a chi è capace di divertirsi quando lavora, 
a chi trova il tempo di sorridere, 
a chi usa l’ironia per sdrammatizzare, 
a chi ha conservato la curiosità e l’entusiasmo di un bambino, 
a chi si meraviglia nonostante l’età e l’esperienza, 
a chi crede ancora nell’onestà, 
a chi riesce a pensare senza farsi manipolare,

...a chi prenderà spunto da tutto ciò per provarci.

AUGURI.

giovedì 4 settembre 2014

La colazione batte il diabete (Breakfast beats diabetes)

Fare colazione quotidianamente potrebbe proteggere i bambini dal rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 in età più avanzata. Questo è quanto emerge da uno studio britannico pubblicato su PLOS Medicine. Soprattutto se i cibi sono ricchi di fibre, hanno un effetto particolarmente benefico sul profilo di rischio diabetico.
Alcuni ricercatori dell’Università di St. George di Londra e delle Università di Oxford e Glasgow hanno studiato le abitudini relative alla colazione di 4.000 bambini in età scolare (di nove o dieci anni). Inoltre hanno analizzato dei campioni ematici e hanno effettuato altri esami medici, oltre alla raccolta dei dati relativi all’alimentazione.

sabato 21 giugno 2014

Lunch Break

La pausa pranzo è un momento fondamentale per staccare dalla routine lavorativa, è l'opportunità per corroborare le energie fisiche e mentali utili ad affrontare con piglio la seconda parte della giornata lavorativa. Per tutte queste ragioni, e per altre ancora, è necessario porsi l'obiettivo di "staccare" consapevolmente dal lavoro.

Ma in quanti lo facciamo realmente?

domenica 1 giugno 2014

Il peso degli Antibiotici (Heavily Antibiotics)




L'abuso di antibiotici, è noto, porta ad un elevato rischio di resistenze batteriche e ai conseguenti problemi nel trattamento delle infezioni resistenti. Oggi, sembra profilarsi un altro problema all'orizzonte, sempre in merito all'impiego di antibiotici.  Alcuni quesiti, appaiono quanto mai interessanti se pensiamo a quanti antibiotici assumiamo, anche inconsapevolmente. Eccoli. Esiste una correlazione tra l'uso di antibiotici e l'aumento di peso? Nello specifico, esiste un rapporto di connessione tra l'impiego di antibiotici nelle primissime età della vita e l'aumento dell'Indice di Massa Corporea nell'infanzia? Alcuni ricercatori hanno voluto esaminare l'associazione tra l'esposizione agli antibiotici durante i primi due anni di vita e lo sviluppo della massa corporea nei primi sette anni di vita. Sono stati coinvolti un totale di 11.532 bambini, con un peso alla nascita di 2.500 grammi o superiore. Questi bambini sono stati registrati nell'Avon Longitudinal Study of Parents and Children (ALSPAC),

sabato 17 maggio 2014

Beoti at work


La pubblicità e la disinformazione (travestita da informazione) entrambe esaltate dalla poca voglia (e capacità) di pensare degli acquirenti, creano i consumatori inconsapevoli che a loro volta alimentano il mercato delle mediocrità. Mercato avvezzo alle promesse rivolte ai consumatori che comprano le emozioni scatenate da codeste promesse. Quindi, in realtà, non acquistiamo prodotti, il prodotto viene dopo... molto dopo e perciò la gratificazione dura un tempo molto limitato. Per cui non può trattarsi di felicità, come qualcuno vuole farci credere. 
Anche se abbocchiamo inconsapevolmente.
Ci abbindolano fin da piccoli, quando svolgiamo egregiamente il lavoro di "aiuto commessi" per spingere all'acquisto "coatto" i nostri genitori.
Ma l'inganno non si ferma all'infanzia

domenica 4 maggio 2014

Eccessi carnali (The meat meets antibiotics)


Finché continueremo ad allevare in modo sconsiderato senza nessun obiettivo virtuoso, se non quello economico, saremo alla mercé dell'offerta esasperata e del "nutrizionismo" miope che ancora crede e divulga il mito delle proteine nobili.

 

Oggi si calcola che gli animali allevati sulla Terra siano circa 10 volte gli umani: si contano 1.300.000.000 di bovini, 1.000.000.000 di suini, 1.700.000.000 di ovini e caprini, ben 52.000.000.000 di avicoli, 900 milioni di conigli, senza considerare pesci e crostacei.

 

E’ indispensabile riconvertire il sistema alimentare verso un sistema ‘sostenibile’ iniziando dal non considerare più gli animali come cibo indispensabile perché così non è. Guardiamoci alle spalle, i nostri nonni "guarnivano" la tavola preferendo i prodotti del regno vegetale e la carne la relegavano ai giorni di festa (pochi, peraltro) nel rispetto degli animali che costituivano una risorsa indispensabile nella vita di tutti i giorni.



Antibiotici a pranzo e cena. Con la carne



Avevo già trattato il tema in passato, di seguito riporto i link per chi vuole approfondire:


Antibiotici, perché?


Antibiotici contro!


sabato 3 maggio 2014

Dieta: ignoro dunque sono (Diet: I do not know so I am)

"Dieta", il cui significato è "stile di vita sano", va oltre l'alimentazione che ne fa parte ma non da sola. Negli anni, però, ha assunto le sembianze di "sacrificio" nel nome del dimagrimento "tout court".
Che amara e pericolosa semplificazione.
Fa meno salute ma più notizia.
E l'ignoranza, che ha bisogno di notizie e non di salute, regna sempre più indisturbata a beneficio delle mode e delle esigenze che si susseguono periodicamente con il cambio delle stagioni: ora "la prova costume", più in là la" disintossicazione post-vacanze", poi la preparazione spirituale alle abbuffate natalizie che sarà seguita da un'imprenscindibile "dieta post-abbuffate" nell'attesa della "depurazione primaverile post-invernale"...
E così via per allontanarci sempre più dal buon senso e dalla capacità di ragionare.
Ecco perchè avremo bisogno di suggerimenti e di consigli per ogni scelta, per ogni attività, per ogni funzione automatica e fisiologica del nostro organismo.
Fors'anche per eliminare aria dai nostri orifizi.
Come faremo? Sarà salutare? Quando, dove, perché?
Basterà chiedere all'esperto di turno!
Che arriverà puntuale, con una formazione ad hoc e un attestato certificato, per informarci sulle insidie nascoste e sui passi da compiere -uno dopo l'altro- per raggiungere l'obiettivo in poche settimane.

Beata ignoranza!

domenica 13 aprile 2014

Crisis and health's opportunities - La crisi e le opportunità di salute



Il ridotto potere d’acquisto, in periodo di crisi, può essere un’opportunità di salute. 
Un’occasione per prevenire o combattere le malattie di una società pingue e sedentaria che ci porteranno a vivere gli ultimi anni della nostra vita con una qualità mediocre, se non pessima.
Guardiamo, quindi, alla salute. 
Da dove iniziare? 

domenica 23 febbraio 2014

When comfort is not healthy

La salute dipende dalle scelte quotidiane. 
Credo che sia un "refrain" arcinoto. 
Molte abitudini andrebbero corrette, quantomeno alcune tra le più insidiose. 

Penso:

  • al salto della colazione
  • al consumo "veloce" dei pasti
  • all'eccessivo impiego di cibi raffinati
  • all'esorbitanza di sale e zuccheri ben occultati nei cibi e nelle bevande che "colorano" le nostre giornate
  • alla pigrizia mentale
  • alla sedentarietà fisica

sabato 15 febbraio 2014

La fretta ruba salute - Haste steals health


Ma la nostra società l'ha elevata ad un livello tale che sembra non esserci produttività senza velocità. 
A prescindere. 

Non possiamo permetterci di pensare, ragionare, riflettere, decidere. 
Dobbiamo delegare "a terzi" le nostre scelte. 
Anche quelle che hanno pesanti ripercussioni sulla NOSTRA salute.