sabato 28 gennaio 2017

Non tutto ciò che può essere contato, conta!

Partendo da questa affermazione di Albert Einstein, potremmo dire che le calorie rappresentano uno specchietto per le allodole, uno strumento per carpire la (già poca) attenzione dei consumatori frettolosi, irresponsabili, acritici e inconsapevoli. Uno strumento al servizio dei prodotti mediocri i quali, per essere venduti, hanno la necessità di offrire un (apparente) “valore aggiunto” al consumatore.
Cosicché, il consumatore, distratto
dal calcolo delle calorie, si concentra sullo sterile confronto “energetico” tra le variopinte offerte di cibi e bevande
che popolano gli scaffali della grande e piccola distribuzione.
È molto più agevole, in stato di pigrizia mentale, elucubrare sull’importo energetico (e le etichette ne danno spunti creativi in ogni senso) anziché pretendere la qualità.
Come di consuetudine, anche in ambulatorio, cerco di far riflettere le persone. Voglio renderle coscienti della secondarietà delle calorie. Ne semplifico il concetto.
Immaginiamo che le calorie siano un colore, il rosso ad esempio. Immaginiamo di trovarci a dover scegliere tra due auto, entrambe di colore rosso. Una delle due auto è una bellissima Fiat 500 (rossa), l'altra una fantastica Ferrari (rossa anch’essa). Queste auto potrebbero apparirci uguali (o simili) se ci limitassimo al colore. Rischieremmo di essere, quantomeno, superficiali se non guardassimo oltre: alla qualità, in altre parole!
Tornando alle calorie, esaminiamo due fonti energetiche equi-caloriche: 5 bustine di zucchero (quelle del bar, ad esempio) e una croccante e gustosa mela di circa due etti. Entrambe le fonti apportano 100 calorie, ma nel primo caso sono 100 calorie (vuote) da saccarosio, nel secondo caso le 100 calorie sono accompagnate da vitamine, fibra, acqua, sali minerali, fitonutrienti, fruttosio…
E allora, è il momento di smettere con i messaggi che concentrano l’attenzione sulle calorie (a partire dalle etichette nutrizionali) perché si alimenta l’epidemia di obesità e delle malattie correlate(1). L’eccessivo aumento di peso, in bambini e adulti, va contrastato mettendo al bando i cibi e le bevande di qualità mediocre(2) che millantano unicamente “l’innocuo” contenuto calorico.
È ora di cambiare visione e guardare concretamente alla salute per la quale il conteggio delle calorie, non conta.


1. SC Lucan and JJ DiNicolantonio. How calorie-focused thinking about obesity and related diseases may mislead and harm public health. An alternative. Public Health Nutr 2015
2.  A Malhotra et al. It is time to stop counting calories, and time instead to promote dietary changes that substantially and rapidly reduce cardiovascular morbidity and mortality. Open Heart 2015

Nessun commento:

Posta un commento

Prima di pubblicare un commento assicurati che:
* sia in tema e contribuisca alla discussione in corso
* non abbia contenuto razzista o sessista
* non sia offensivo, calunnioso o diffamante

L'amministratore si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.