venerdì 16 marzo 2012

Youngabout: giovani emozioni

Youngabout International Film Festival propone intense giornate dedicate agli adolescenti e ai “giovani adulti”, spettatori e animatori del Festival. La sesta edizione del Festival vuole aprire delle finestre su problematiche di grande attualità.
Il filo conduttore tra i film in programmazione e gli eventi collaterali è il tema della passione, nelle sue molteplici declinazioni e manifestazioni, energia allo stato puro, motore della vita, spinta per scelte coraggiose e altruiste.
Al festival saranno presentati undici lungometraggi, diciannove cortometraggi in concorso, quattordici cortometraggi fuori concorso. Oltre alle proiezioni saranno organizzati due feste, due tavole rotonde, una master class, un workshop, il Premio Angelo Vassallo.
Sul tema della legalità con il Premio Angelo Vassallo, in memoria del coraggioso sindaco di Pollica, ucciso in un agguato, per invitare i giovani a non dimenticare chi lotta (e a volte muore) per far rispettare quelle regole che salvaguardano il bene comune.
Un dibattito sull’uso di stupefacenti, anche in rapporto con la fruizione musicale, con proiezione di alcuni cortometraggi creati da ragazzi che hanno partecipato a workshop organizzati in ambiti diversi nella sezione YoungLegalità.
Una serie di documentari a sfondo ecologico, nella sezione YoungAmbiente, che ci permettono di aprire gli occhi su tanti aspetti della nostra vita quotidiana che minacciano la nostra salute e sul comportamento criminale di grandi centri di potere pol itico e commerciale che rischia di sconvolgere l’equilibrio del pianeta.
Ma non viene trascurato un ambito che riguarda l’arte sublime e formativa della danza, nella sezione YoungDanza, con la proiezione di due lungometraggi dedicati a grandi interpreti, una master class di grande valore e una Tavola rotonda a cui partecipano esperte del settore.
Obiettivo generale del festival è costruire azioni, in ambito culturale, che contribuiscano a limitare il disagio e favoriscano la comunicazione interpersonale e intergenerazionale. Coinvolgendo un nutrito gruppo di ragazze e ragazzi e di adulti nel lavoro della Giuria si vuole aumentare il livello di socializzazione e lo scambio culturale, favorendo la capacità di cooperare.
La Giuria dei giovani dell’edizione 2012 coinvolge gli studenti di molte scuole superiori di Bologna e dell’Università e la Giuria di adulti interpella professionisti del settore audiovisivo, educatori, dirigenti scolastici: insieme, ma in autonomia, affronteranno una settimana intensa tra proiezioni ed eventi, un’immersione nel cinema, un cinema di qualità di produzione europea ed extra europea, con forme narrative differenti da quelle proposte dal mercato. Cinema come apertura sul mondo per allargare i propri orizzonti, per acquisire nuove conoscenze, per sviluppare nuove curiosità e desiderio di ricerca.



Nessun commento:

Posta un commento

Prima di pubblicare un commento assicurati che:
* sia in tema e contribuisca alla discussione in corso
* non abbia contenuto razzista o sessista
* non sia offensivo, calunnioso o diffamante

L'amministratore si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.